Translate

domenica 26 febbraio 2017

DI SERA



DI SERA
 


Ti abitai la vita, i muri, gli anni
con la dolcezza del mare in fiore
La sondai, facendomi strada
fra meraviglie e macerie,
amandoti gl'inverni
perché dentro quella pioggia
ci trovai -stelle illuminate
dai grappoli del melograno

Quel colore che ti esiste,
resiste e odora già d'eterno
Perché dai suoi riflessi
prende forma ogni silenzio
mentre le cose ci guardano
senza avere memoria del domani
Lasciando alla vita
la sola possibilità di vivere

E ti abitai la voce, lo sguardo,
e il cuore. Senza saperlo.
Ogni volta
- che tornando a cercarmi -
ti respiravo dentro il fumo
d'una sigaretta
che non ho mai acceso

Inafferrabile come l'aria,
come un raggio d'Agosto
la tua voce ingannò l'inverno
e divenne il bastone che ogni notte
mi accompagna a sera.
 

© Maria Grazia Vai

sabato 4 febbraio 2017

BETULLE NEL VENTO

  
 


 
Sparivi tra le foglie di un pensiero
ancora vivo e rosso di passione
Fu quando presi forma nel tuo pianto
e lì rimasi appesa, come neve
alle tue fronde. Quel giorno
vidi nascere l’inverno, ignara
dei germogli che avrebbero
plasmato -in silenziosa danza,
la mia terra.
 
E l'usignolo prese forma in te
-albero madre
della mia carne
 
 

maria grazia vai
4febbraioduemila17