Translate

sabato 25 ottobre 2014

Graffiti

 
 

 
GRAFFITI

 
L’avremmo dipinto
di verde selvatico e miele

 Anche l’azzurro del vento
sarebbe colato
(e mai contento)
dagli alberi di ronda sulla riva

Di nebbie vermiglie
è il nostro tempo
e tiene, come costellazioni,
comete di sale alle caviglie del silenzio
scrivendoci, l’estate ch’eravamo
e adesso siamo
 
dove la coltre di un vecchio giorno
è un brivido leggero
inciso fino all’angolo più basso
di un pensiero. Fitto,
 
disseminato a flari di grano
sul pane

 
 

Maria Grazia Vai
19 ottobreduemila14

 
 
sulle note di “ Autumn Leaves “ Diana Kral

1 commento:

  1. Stile inconfondibile, in questi versi, notevolmente musicali nella loro lettura, che trasmette emozioni d'indicibile intensità...
    Sempre bello soffermarsi sulle tue liriche, poetessa, un abbraccio,silvia

    RispondiElimina