Translate

sabato 20 settembre 2014

E RESTA IL MARE


 

 

 E RESTA IL MARE

A scriverti
sarei la pagina che annuncia
la mia resa,
la voce che stinge le parole
e le trasforma
in sale

Gli scogli -lo sai-
amano stare a piedi nudi
subito dopo il calare dell’orizzonte
cielo,
hanno ciglia più lunghe
e ci osservano da vicino

Come le crepe sul fondo del mare
che bianche -tengono,
come le rocce-
conchiglie in piedi
 
E frammenti di ossi
-come parole
ad oriente
E alle caviglie, l’odore del sole.
 
 

 
 
Maria Grazia Vai

20settembreduemila14
 

Nessun commento:

Posta un commento